Il Sacro della Primavera

Balletto Civile

ideazione e coreografia: Michela Lucenti
incursioni sonore: Maurizio Camilli
danzato e creato con: Andrea Capaldi, Ambra Chiarello, Andrea Coppone, Massimiliano Frascà, Francesco Gabrielli, Sara Ippolito, Francesca Lombardo, Carlo Massari, Gianluca Pezzino, Livia Porzio, Emanuela Serra, Giulia Spattini, Chiara Taviani, Teresa Timpano

Il sacro della primavera

Il Sacro della Primavera del Balletto Civile, guidato da Michela Lucenti e Maurizio Camilli, è – già dal titolo – un’evidente e voluta distorsione del celebre brano di Stravinskji. Si dice che il compositore russo ebbe una visione prima di scrivere quest’opera. Immaginò un rituale in cui un cerchio di anziani “saggi” assisteva alla danza di una vergine: una danza estenuante che doveva condurla alla morte. Una meravigliosa metafora del nostro tempo e di una generazione che attende obbligata allo stallo, osservata, spiata, pesata, vergine perché impossibilitata a fare da sola.
Seguendo quest’idea, lo spettacolo è un urlo di rivolta pieno di energia, in cui le sonorità rock si sovrappongono alle note di Stravinskji e danno vita a una dissacrante versione di “strada”, espressamente studiata per il Festival Aperto di Reggio Emilia.

Piacenza > Teatro Gioia >  7 marzo 2014 > 21.00

Nessun commento

Commenta questo articolo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>